Ristorante Centrale – Cremona.

Il lato più notevole di questo locale è il suo aspetto: deve esser rimasto sostanzialmente immutato da quando è stato aperto, ai primi del ‘900.   Insomma, si capisce che era (è) il locale “buono” del centro cittadino, quello un po’ vecchiotto ma di solida tradizione, con una clientela altrettanto solida e stabilita, dove vanno a pranzo i notabili che non devono fare i conti con i minuti della pausa pranzo, ma possono farlo con tutto agio e comodità. Un po’ come il “Cambio” a Torino.

L’arredo è Art Déco un po’ attenuato, molto caratteristico: soffitto con vetri colorati, grande bancone e mobili in legno lucido, tavoli ben apparecchiati con doppi bicchieri a stelo. Solo le toilettes sono un po’ fantasiose…

Abbiamo mangiato:

Tortelli di zucca, con burro fuso, grana e semi di papavero, ottimi.

Bollito misto (lingua, manzo, cotechino, testina di maiale) con mostarda e salsa verde, molto buono, con contorno di insalata.

Crostata con marmellata, molto buona.

Da bere: Barbera Pietro Rossi 2014, buona.

Il servizio è stato tutto sommato buono, anche se l’acqua ho dovuto richiederla due volte…

Come potrete capire, è andato tutto bene, ma quello che non va è il prezzo: per tutto quanto sopra, ben 35 euro, che è decisamente troppo. Per questa cifra, potevano benissimo starci un antipasto (c’erano dei bellissimi culatelli in vetrina) e magari un altro primo.

3 ganascePer tutti questi motivi, diciamo tre ganasce, ed è un peccato, perché avrebbero potuto essere anche quattro. Ciritorno? Non saprei. Forse sì, forse no.

Vicolo Pertusio, 4, 26100 Cremona CR

Rispondi