Tutti gli articoli di bruschetta

Il Rifocillo – Fauglia – Pisa

Ci siamo stati di recente.Locale posto al piano superiore del Caseificio Busti.Già famosi per i loro prodotti hanno aperto anche un punto ristoro.
Locale nuovo,ben arredato,originale gli sgabelli fatti a forma di formaggio.Nel mezzo della sala è presente un “buco” con vista dello spaccio sottostante,intorno  al cerchio ci sono gli sgabelli dove puoi stare a degustare le portate.Originali al centro del “buco”dei lampadari con vari tipi di pasta al interno.La sala si espande in lungo con tavoli spaziosi e distanza adeguata.A destra quando si entra ,è ben visibile il braciere per la cottura delle carni, le quali sono in bellavista e accanto è presente il forno per la pizza.Nota negativa, il basso soffitto che amplifica i rumori,come è successo in mia presenza,colpa di una tavolata abbastanza vociferante.Il menu è composto da piatti principalmente di terra,legati ai produttori e prodotti del territorio locale.I formaggi ,chiaramente presenti nelle varie portate, sono a km O,visto che se li producano loro.Noi 2 abbiamo preso:
1 tagliere misto di salumi.1 selezione di pecorini con relative marmellatine
1 cacio e pepe  1 pappardella al ragù di maiale in bianco
1 grigliata di maiale carne selezionata(non ricordo il produttore) 1 patata al forno
1 dolce al cioccolato
1 caffè
1 bottiglia di acqua
1 bottiglia di Rosso Fauglia.
tot 80€
Commento: il tagliere molto buono uguale per i pecorini.il cacio e pepe purtroppo non era ben fatto,per niente cremoso,ma liquido.La pappardella leggermente insapore,non ben tirato il sugo.La grigliata come qualità niente da dire,buona,la cottura invece mi ha deluso.Sembrava una lenta cottura non direttamente sulla brace ardente..ma  con il calore del forno.Non ho sentito quel classico profumo di “sbruciacchiato”.Inoltre quando non sono molto contento, dò importanza anche ai minimi particolari…Nel caso,quando ho richiesto il pane,mi è stato servito solo il pane alle noci,a mia richiesta mi è stato portato il cestino completo,come al inizio.Il quale cestino è rimasto in tavola fino al caffè…
3 ganasceGiudizio finale non si arriva a 3 ganasce,possiamo dare il beneficio che ci sono stato 1 mese dopo l’apertura,quindi in clima di rodaggio.Comunque è l’inizio il momento importante..partire bene è un buon viatico,e a volte vale la pena investire bene e subito.Invece di rimediare.

 

Via Marconi 13 a/B – Acciaiolo, 56043 Fauglia

Agriturismo Villa Felice – Volterra (Pisa)

Ci siamo stati a fine Settembre, si trova 2 km oltre Volterra. Appena si entra si trova il ristorante, una discesa ci conduce alla struttura vera e propia: un vecchio rustico in pietra ristrutturato nel mezzo di colline, dispone di una decina di appartamenti, il ns era con volte alte, arredato con semplicità ma con molto gusto. Sorvolo sul resto, dato che dispone di un sito, quindi si trova tutto lì.
Ho conosciuto i proprietari che gestiscono con alcuni collaboratori il tutto: è una famiglia sarda, sono persone semplice e ospitali. La Signora Pina ha subito familiarizzato con la Signora Bruschetta, appena l’ha vista in stato interessante, discorsi da mamma e new mamma :).

Passiamo al cibo.
Abbiamo cenato nel ristorante, un misto di cucina sarda e toscana. Ho scelto piatti sardi, ci mancherebbe. In sala serve il propietario Felice, sembra l’oste di una volta, persona semplice come se ti servisse in casa sua. Partiamo con gli antipasti. La Signora Bruschetta dato che non può mangiare salumi, ha preso fuori menù del pecorino fuso su pomodorini secchi, strepitoso ;), io formaggi misti ottimi.

Come primo, un culurgione (tipo raviolo) e un altro tipo di raviolo con scorze di arancio, entrambi conditi con il pomodoro fresco. Buoni davvero. Io non sazio, ho chiesto come potevo proseguire, Felice mi ha consigliato agnello in umido in bianco. Piatto ben bilanciato, senza che le spezie lo facessero da padrone. Come dolce, una seada al miele. Vino della casa, acqua, caffè 60€.

Dopo il caffè, Felice ci ha invitato al suo tavolo dove lo staff stava cenando, complici un paio di bicchieri di vino abbiamo parlato del suo ambiente. Mi ha spiegato che i formaggi e gli agnelli provengono da terreni confinanti, dove altre famiglie sarde allevano e producano prodotti.

Abbiamo passato 2 giorni rilassanti, con delle persone semplici e genuine, quindi non aspettatevi cerimionali e lusso, ma un ambiente accogliente dove ci sente a propio agio. Posso esssere stato ripetitivo con la parola “semplici”, ma oggi siamo attorniati da persone che intrapendano questa professione dal nulla e pensano di essere già arrivati!! ultimamente sono un po’ polemico 🙂 🙂
3 ganascePer la ristorazione 3 ganasce abbondanti.

Podere Monteterzino, SS 68, 56048 Volterra Pisa

Ristorante da Nonno Mariano – San Lorenzo a Vaccoli (Lucca)

Si trova sulla strada Lucca-Pisa,versante  lucchese. Ci siamo stati io e la mia ragazza. Abbiamo cenato in esterno, una veranda con vista colline lucchesi. Abbiamo preso:

  • 1 crostino con pasta fritta 4€
  • 1 tagliare di formaggi 12€
  • 1melanzana alla parmigiana8€
  • 1 coniglio-pollo fritto10€
  • 1 patata arrosto3€
  • 1/2 vino della casa 1 bottiglia di acqua 1 caffè

Il tagliere era veramente di buona qualità, 4 fette generose di pecorino con varie stagionature, 1 delle quali era con tartufo. La melanzana a dire della mia lady, era buona per niente pesante. Il mio fritto (6 pezzi) su base di carta gialla era ben fatto, con giusta croccantezza esterna e per niente “lesso” interno, segno di cottura con tempi giusti. A volte si rischia che sia fritto velocemente,c on risultato di trovare specie vicino all’ osso una sgradevole venatura di sangue. Niente di questo. In aggiunta mi è stato servito con contorno di carote e zucchine tagliate sottili, cosa che non era scritta nel menù. Le patate erano arrosto cotte nel forno a legna, tagliate grosse, ottime.

Servizio veloce, con il “caposala” a chiederci se era di nostro gradimento. Abbiamo fatto fare gli straordinari al cameriere con 1 cambio di tavolo (era serata umida) e 2 cambi sedie per la mia lady e il futuro bruschettino, in serata agitata… sarà nervoso perché mi vede mangiare bene ed è geloso ? 🙂 🙂

p.s Riconfermo,ancora una volta,il mio gradimento per il commerciante lucchese 😉

Via Nuova per Pisa 3426 San lorenzo a Vaccoli

3 ganasceCommento direi 3 ganasce ci stanno.

Note: mappa generica sul paese perché Google Maps non trova l’indirizzo

Il Melograno Altopascio

Io e la mia Ragazza siamo stati in questo locale, nel centro di Altopascio. Situato in un palazzo medievale, l’entrata è dietro la piazzetta, si sale 2 rampe di scale e ci troviamo nella veranda con vista piazza, dove sono posti i tavolini per l’esterno. L’interno dispone di una sala ben curata e penso di un altra piccola saletta, dato che mangiando fuori non ho fatto il tour del Ristorante 🙂 Bagni puliti e ben tenuti. Si nota quindi un ristorante di buon livello.
Il menu non è ampio, si può scegliere carne o pesce con menù a degustazione(sui 35-40). Abbiamo preso:

  • 1 fagottino con ripieno di verdure alla crema di zucchine
  • 1 tordello lucchese con ragù battuto al coltello e
  • 1 pacchero di Gragnano all’ ortolana cacio e pepe
  • 1 tagliata di filetto alla catalana con salsa balsamica.
  • Come dolce, 2 millefoglie alla crema chantilly.

Abbiamo bevuto Buonamico rosso e una bottiglia di acqua. Spesa di 90€.
Il fagottino niente di importante, insipido. Il pacchero con le verdure, di cacio e pepe aveva ben poco. Il tordello era buono, eseguito non con il classico ragù. La tagliata era buona e ben presentata con le verdure fresche, era un filettino però… Il millefoglie era freschissimo, ma con una crema non all’altezza. Ci è stato offerto un assaggio di produzione propria di cantuccini e brigidini, buoni, ma a 2 dei 4 brigidini  era sparita la croccantezza… Forse l’aria di Altopascio ha questo effetto. Si denota anche dalla carta dei vini,  l’aspirazione di un ristorante di fascia medio-alta, ma il mio giudizio non può andare oltre le 3 ganasce. 3 ganasceMi aspettavo qualità superiore rispetto alle aspettative, visto il menù , con relativi prezzi. Vediamo se altri mi smentiranno. Io non ci ritorno

Altopascio (Lucca). Piazza degli Ospitalieri, 9