Ristorante Il Pozzo – Pieve Fosciana LU

Lo scorso fine settimana, ospiti di mia figlia in Garfagnana, siamo stati a cena Al Pozzo. Il locale è gestito da due “ragazzotti” cinquantenni, Giordano e Maurizio che dopo aver fatto esperienza in due o tre pizzerie della zona, hanno finalmente trovato qualche anno fa la loro dimensione.

Il locale è semplice ma non banale, arredamento montanaro ma non pacchiano,  illuminato al punto giusto;  servizio attento ma non invasivo. La sala è ampia e tra i tavoli c’è la giusta distanza.

Il menù ci viene portato con sollecitudine, così come l’acqua e i cestini del pane di patate e di castagne. Poi Giordano ci illustra le varie portate chiarendo ogni dubbio. C’è una particolare attenzione ai prodotti locali, il che non guasta.  Eravamo in cinque; abbiamo cominciato con un antipasto di salumi locali  (buonissimi il biroldo e il prosciutto bazzone) e un delicato soufflè di ricotta; per i primi ci siamo divisi tra la le pappardelle di farro al sugo d’anatra e i tortellacci garfagnini. La pasta è fatta in casa, le porzioni abbondanti, i condimenti  saporiti… Insomma abbiamo spolverato tutto e qualcuno ha fatto pure scarpetta.

Visto che Giordano ci ha garantito che la carne in carta proviene da allevamenti locali qualcuno si è gettato su una scottata al tartufo (nero), mentre io e la Trincavellina abbiamo optato per il vassoio di formaggi. La carne, a detta di chi l’ha scelta era squisita tenera e saporita; soprattutto non hanno lesinato sul tartufo. I formaggi (pecorini e vaccini a latte crudo dei caseifici Bertagni e Marovelli), veramente notevoli,  si degustano con squisite marmellate e miele della zona . Abbiamo finito, dato il periodo,  con castagnaccio e necci. Il vino è scelto con cura, ma limitato a produttori locali; noi abbiamo optato per un Melograno Rosso 2006 del Podere Concori di Gallicano (60%Sirah 10% Pinot nero  più altri vitigni autoctoni) che si è rivelato molto gradevole.  E’  possibile accompagnare il pasto con la birra di Piazza al Serchio La Petrognola al farro o alle castagne. Alla fine caffè e liquorino offerti.  Spesa complessiva 160 euri  che considerando l’abbondanza delle porzioni va diviso per 4 anzichè per 5.   Secondo me

3 ganasce  3 ganasce piene e quando posso…ci ritorno ma non di mercoledì perchè è chiuso.

Ristorante Il Pozzo Viale Europa, 2 Pieve Fosciana  Lu  – Tel.  0583666380


Visualizzazione ingrandita della mappa

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Osteria San Paolo – Pisa

Rinnovo la recensione perché quella esistente è davvero troppo vecchia. Ero stato all’Osteria San Paolo parecchio tempo fa, per l’occasione di una

Koto Ramen – Pisa

Dopo molto che ne avevo voglia, sono riuscito a pranzare da Koto Ramen. Il fatto è che si trova in Via dei

10 risposte

  1. Sarò duro, ma continuo a non capire.
    Se eravate in cinque, dividiamo per cinque. Se poi le porzioni erano molto abbondanti, forse ci avrebbe mangiato un’altra persona, e allora dividiamo per sei. Il quattro proprio non lo capisco.

  2. Allora facciamo così: abbiamo pagato per quattro e abbiamo mangiato in cinque. Dunque hai ragione te…e ho ragione io. Ma discutiamo sul ristorante no sul resto. E la chiudo qui.

  3. ‘Un capisco nemmeno la battuta di Gianlù63, evidentemente so’ proprio duro, comunque al Pozzo c’ho mangiato anch’io, un paio d’anni fa, e sono d’accordo in tutto con Trincavelli (a parte che nell’aritmentica… :-))

  4. un quarantino in garfagnana ? allora e’ un ristorante a 5 stelle 🙂 Li vale sicuramente tutti, vedo che hanno prodotti di qualita’, ma avevo un ricordo diverso sulla spesa dei locali garfagnini 🙂 Ovvero abbondanza e prezzi ultrapopolari ! almeno la prima opzione sembra garantita 🙂 Dato che erano in quattro, ma il cibo ne sfamava 5 ! 🙂 indovinato? 🙂

  5. Ciao, sono stao settimana scorsa con la mia ragazza al POZZO. Avevamo prenotato, ma hanno smarito la prenotazione. Nulla di chè c’era comunque posto. Abbiamo preso il menù del DESCO a base di castgane :
    • Frittelline di formaggio pecorino al
    miele di castagno
    • Crespelle di neccio alla fiorentina
    • Pappardelle di castagne su ragù
    d’anatra
    • Faraona disossata e farcita alle
    castagne
    • Sformato di cardoni
    • Panna cotta con crema di castagne e cacao

    Oli: Lucchesi Agostino, Oleificio Fabbri
    Vini: Merlot Lenzini, Centine Banfi e Poderi di Garfagnana.
    30 a euro a testa, tutto compreso

    il bello era che ti portavano la bottiglia, poi se volevi cambiare vino, ti portavano un’altra bottiglia del vino scelto.
    Tutto molto buono!
    Peccato che quel menù c’è solo 6 gg all’anno.
    Ciritorno

    Giabluca P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.