Ristorante Enoteca Port Ellen Clan – Lucca

Via del Fosso, 120, 55100 Lucca
0583 493952

Ieri sera ho cenato in questo nuovo locale nel centro di Lucca.
Bel locale, con bar e saletta per aperitivo, ricavato in un fondo lungo i fossi, vicino ad un altro ristorante, che ho già recensito in estate.
Lo spazio non manca, ed i tavoli sono ben posizionati, con distanze che invitano al relax, come la musica in sottofondo.
Veniamo al menu, corto, ma non banale, con 5/6 portate per antipasti,
primi piatti e secondi.
Forse un po’ di difficoltà l’ho avvertita proprio con gli starter,
ed infatti ho ceduto agli spaghetti con alici, bufala e colatura di Cetara, ottimi e inaspettatamente molto delicati.
Per secondo, petto d’anatra agli agrumi con chutney di cipolle,
carne tenera e cotta bene, (ho visto mangiare in modo convinto anche la guancia brasata e dei calamari grigliati).
Dessert : anche qui 4/5 proposte, mi sono cimentato con una cialda di amaretti al mascarpone e frutti di bosco, buona ma non memorabile.
La carta dei vini è abbastanza fornita , noi abbiam bevuto un rosso del novarese, del valore da entry level (15 euro) direi buono.
La spesa non è particolarmente contenuta , diciamo media per la tipologia di locale (tavola apparecchiata con tovaglia in cotone, doppi biccheri, tutto in regola insomma) e l’ubicazione nel centro storico lucchese. Due portate più il dolce sui 40 euro cad.
3 ganasce e mezzoPer quanto riguarda la valutazione, indubbiamente almeno tre ganasce e mezzo, ma anche 4= in terminologia scolastica 🙂 ma in quel caso non era proprio un bel voto 😀
Devrò rivalutarlo, magari con il cambio di menu, che probabilmente avverrà periodicamente !
Devo constatare che, ancora una volta, Lucca, come sviluppo imprenditoriale per la ristorazione e la ricezione turistica, è sempre al top.
Da pisano, dispiace dirlo, ma i lucchesi ci san fare di più 🙂
Saluti

 

Visualizzazione ingrandita della mappa

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ristorante da Roberto, Venezia S. Marco.

Mangiare a Venezia è sempre un problema, se ci si trova nella zona nera turistica. In realtà, allontanandosi dai luoghi più famosi,

Osteria “Da Mirco” Marghera (VE).

Trasferta turistica in quel di Venezia. Il ristorante si trova in una traversa di Corso del Popolo, la strada che taglia in

Gatto Rosso – Forte Marghera (Ve)

Trasferta veneziana, e naturalmente occasione per provare la cucina di quelle parti. Siamo nel regno dello spritz, e non esiste locale che

13 risposte

  1. …come consuetudine tralascio accessori e diavolerie mediatiche varie di contorno alla recensione 🙂
    mi dovrò iscrivere al prossimo corso di Nonnoweb 🙂

  2. Somme,il 5 marzo apre ikea a Porta a Mare…fai una visitina anche li!!Cosi recensisci il bar e fai un bel acquisto…parlano di offerte eccezionali per le cucine e montaggio gratis,cosi come disse Silvestro alla Ciricena,ci toglierai il dubbio se hai la cucina in casa 🙂 🙂 😉
    ciaooooo

    1. Grazie del consiglio !
      Scusa, ma hanno solo il bar, niente ristorante ?
      peccato 🙁
      purtroppo la cucina c’è e la uso pure, ma un paio di fughe settimanali, quando posso, me le concedo e quasi sempre peccati di gola 🙂
      …dice che il cibo sostituisca il sesso per gli anziani, allora son gia’ nella terza età 😀 😀

  3. O le ganasce, ‘un ci sono?
    (P.S. Una di queste sere bisogna davvero organizzà per lo yacht club, oppure per la torta da Cecco).

  4. Sul loro sito c è la storia del locale con whisky annesso 🙂
    nel mio caso son stato attratto da ambiente e cucina più che dal distillato, benché pregevole 🙂

  5. capo, la mezza ganascia non si puo’ mettere?
    il locale, come gia’ scritto, tende al 4, non vorrei averlo penalizzato!
    anche se il giudizio ha un valore simbolico, le 3 son strette 🙂

  6. che dire…io e real consorte ci siamo stati venerdi sera. presi rispettivamente gli spaghetti con alici bufala e colatura di cetara e gnocchi alle cozze e vongole sgusciate come primi.diciamo senza infamia e senza lode visto che nel Cilento questa estate abbiamo mangiato più o meno le stesse cose a metà prezzo con il doppio del gusto in una baracca sul mare…di secondo un controfiletto, mi riferiscono morbido, per il quale però non è stata nemmeno chiesta la cottura…io invece un baccalà con porri che era appestato di pepe ;-( servizio lento sia per le portate che nella cura complessiva del cliente. spesi 80 euro x due primi e due secondi con una bottiglia di albireo syrah 2010. direi dunque eccessivo lo sbilanciamento qualità/prezzo. peccato perché la location è molto curata e ven allestita. per me non si va oltre le due ganasce e mezza

    1. …mi spiace della tua Roncisvalle culinaria, avendo delle aspettative ci si rimane male parecchio !
      Essendoci stato solo una volta non saprei dirti se hai trovato una serata no, oppure il trend è negativo, il che mi dispiacerebbe visto l’ambiente carino.
      Il conto non è economico, ma diciamo in linea con molti locali del centro, salvo menù fissi , di giornata o serate a tema . Ormai 10/12 euro un primo piatto e 15/18 per un secondo sono usuali ! PURTROPPO ! Per scendere bisogna allontanarsi un po’ dalle mura e magari con un menù più classico 🙂 ps se poi tocchiamo il sud Italia non ne parliamo, il rapporto q/p è molto favorevole !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.