Trattoria da Leo – Lucca

La trattoria da Leo (via Tegrimi, 1 – Lucca – 0583.492236 – www.trattoriadaleo.it) è uno di quei posti in cui vado
troppo poco spesso. Troppo poco soprattutto perché se non si prenota lo si trova sempre pienissimo. Non è un caso.
La trattoria ha un ambiente carino anche se abbastanza caotico, il personale è gentile e il servizio veloce. Cucinano piatti tradizionali e lo fanno bene; le porzioni sono generose.
L’ultima volta che ci siamo andati abbiamo preso un bel piatto di pollo fritto con verdure fritte e uno spezzatino con contorno di rapini saltati, tutto molto buono. Essendo goloso io ho proseguito con una fetta di crostata fichi e noci:  ottima. Acqua, un quarto di vino, due caffè: totale euro 38,50.
Altri piatti nel menu: i classici antipasti, zuppa di farro, ragù, bistecche ed altri piatti della tradizione.
3 ganasce e mezzoPer me tre ganasce e mezzo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ristorante da Roberto, Venezia S. Marco.

Mangiare a Venezia è sempre un problema, se ci si trova nella zona nera turistica. In realtà, allontanandosi dai luoghi più famosi,

Osteria “Da Mirco” Marghera (VE).

Trasferta turistica in quel di Venezia. Il ristorante si trova in una traversa di Corso del Popolo, la strada che taglia in

Gatto Rosso – Forte Marghera (Ve)

Trasferta veneziana, e naturalmente occasione per provare la cucina di quelle parti. Siamo nel regno dello spritz, e non esiste locale che

2 risposte

  1. Ci sono tornato a pranzo a Pasqua e sono rimasto un po’ deluso, me lo ricordavo molto meglio.
    Abbiamo preso zuppa di farro (discreta), tortelli in brodo (buoni ma era meglio cuocerli un pochino di più) e dei ravioli in salsa di non ricordo quale verdura (serviti appena tiepidi, brutta cosa). I primi sono anche arrivati in tre mandate: brutta cosa.
    Per secondo coniglio in umido con olive (buono ma con un po’ troppo pomodoro) e agnello arrosto (ma perché scrivere sul menu cotolette se poi si serve un altro taglio?). Le patate arrosto di contorno erano buone ma decisamente troppo unte.
    Riepilogando: 4 primi, 4 secondi, 2 contorni, acqua, 1/2 litro di vino della casa e 4 caffè, totale 100 euro.
    Per me sono scesi sotto le tre ganasce.

  2. Dimenticavo di dire che non accettano pos e carte di credito. Per me è indecente che nel 2017 ci siano ancora ristoranti che costringono i clienti ad andare col contante, per non parlare della figuraccia che fanno con i loro molti clienti stranieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.