I Diavoletti Ristorante Pizzeria, Camigliano di Capannori (Lucca)

Prima che mi dimentichi, nonostante le avversità del caldo e del tablet fuori controllo, devo dire un paio di cose su questo posticino.

Sono gia state date informazioni in passato sul buon lavoro, anzi la gran passione, che svolgono e offrono le sorelle Bosi sia in cucina che in sala.
Sono di parte, ma non credo di far complimenti a vanvera, trovando questo locale menzionato su guide del settore, ed essendo presidio slow food. Sono stato diverse volte, sia per serate a tema, incontri con produttori locali etc o solo per cenare con del cibo di qualità, cucinato in modo sempre inappuntabile.

Locale piuttosto informale con una sala interna e una veranda estiva .

Ho cenato di recente fuori, nella piacevole veranda (ci sono delle piante ma non mi dilungo , poi mi danno del fondamentalista botanico:-) ) ordinando l antipasto dei Diavoletti  che comprende una varietà di ottimi salumi locali, crostoni, frittatine etc., se avete poca fame lasciate perdere e prendete altro 🙂

Di secondo una tagliata di manzo, nature, ma altri hanno preso la versione coi porcini. Fanno un ottimo  filetto di maiale cotto a bassa temperatura con prugne e albicocche.

Altri commensali hanno preso dei primi piatti, tra i quali i pici col ragù bianco di cinta, ed un più estivo farro con zzucchine e fonduta di reggiano.

La carta dei vini privilegia vini di produttori locali e regionali, con ricarichi onesti, ma anche il vino della casa che abbiamo ordinato, un rosso di Valgiano, è sicuramente più che bevibile.

Fanno anche pizzeria, credo di averla presa solo una volta anni fa, difficile rinunciare alla cucina 🙂

Con caffè e amaro del Capo gentilmente offerto, se ben ricordo 29 euri a capoccia.

3 ganasce e mezzoLe ganasce sono sicuramente 3/4 per il rapporto qualità prezzo trovato sempre molto buono, come la cortesia nel servizio .

Stradone di Camigliano 302, Capannori LU

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ristorante da Roberto, Venezia S. Marco.

Mangiare a Venezia è sempre un problema, se ci si trova nella zona nera turistica. In realtà, allontanandosi dai luoghi più famosi,

Osteria “Da Mirco” Marghera (VE).

Trasferta turistica in quel di Venezia. Il ristorante si trova in una traversa di Corso del Popolo, la strada che taglia in

Gatto Rosso – Forte Marghera (Ve)

Trasferta veneziana, e naturalmente occasione per provare la cucina di quelle parti. Siamo nel regno dello spritz, e non esiste locale che

6 risposte

  1. Sono a confermare la recensione di sommellie con cui tempo indietro ci sono stato anche insieme, per me rimane un posto che frequento con soddisfazione ogni tanto forse l’unico neo che trovo e’ il menù che non cambia spesso ma rimane nel tempo anche se ci sono sempre delle portate (solitamente due o 3) in più del momento.
    Paola in sala e Alda ai fornelli sono due sorelle di provenienza garfagnina e orgogliose di far gustare i prodotti del loro territorio ai loro clienti e ci riescono con la loro cucina semplice così come l’ambiente , il tempo della cena trascorre senza sussulti e esci sazio e rilassato.
    Un po’ lontano per i ciritornini abituali ma si potrebbe pensare di farci una ciricena… 🙂

  2. Nella versione invernale, ho trovato la mancanza di secondi espressi, ovvero arrosti e carni con cotture lunghe, un filetto o una tagliata sarebbero stati graditi!
    Sempre dal punto strettamente personale, avrei fornito anche il contorno insieme al secondo vista la cifra richiesta , per rimanere su una spesa da osteria di un tempo 🙂
    Rimane un buon posto , e sempre con grande attenzione al prodotto utilizzato in cucina.

    1. Altra visita ai diavoletto, dalle sorelle Bosi !
      Siamo in primavera molto inoltrata, anche se sembra un prolungarsi del inverno, purtroppo!
      Ciò non è sufficiente, secondo me, a lasciare in carta ancora seconde portate tipiche invernali, tipo brasato stracotto etc.etc.
      Avrei voluto farlo notare alla gentilissima e sempre premurosa titolare, che magari una tagliata,un filetto di manzo, una taglita d anatra, insomma qualcosa non troppo unto e pesante per uno stomaco leggerino come il mio , sarebbero stati graditi 🙂
      Ho rimediato ordinando un ottimo antipasto vegetariano composto da tortini frittatine etc etc ed un raviolo con asparagi fatto in stile carbonara con aggiunta di gelato al lime o qualcosa del genere. Molto buone entrambe le portate.
      Ho scoperto un litro, ampeleia, vino rosso da tavola del grossetano, di media gradazione e struttura , molto divertente,specialmente nella sua bottigliozza da litro appunto 🙂

      1. Caro Sommellie,
        l’11 maggio c’ero a cena dalle sorelle, bellissimo temporale con fulmini 🙂 durante la cena e ti dirò che sembrava pieno inverno e lo stracotto era “eccezionale” a detta di quelli che erano al tavolo con me e che presero quel piatto !
        Ma un tocco primaverile lo detti ugualmente con una ottima garmugia prima dello stracotto !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.