Sugo e camicia – Pisa

Questo bel ristorantino calabrese mi è stato consigliato dal gestore de La Panacea, anche lui calabrese che mi ha detto «Vai da questi ragazzi, sono bravi e hanno dei prodotti molto buoni».

Così approfittando del compleanno di Ganascino siamo andati. Il locale è in una zona un po’ disadorna ma con un bel comodo parcheggio davanti, per i pisani dove c’era una volta il terribile “Piatto Veloce”.

Interno luminoso e confortevole. Il servizio, nella nostra sera gestito da una ragazza molto gentile, preciso e puntuale.

Carta abbastanza corta ma parecchio interessante. Mi pesa un po’ la mancanza di una carta dei vini, ma la cameriera mi ha suggerito un rosato calabro interessante (20€). Dopo un piccolo benvenuto di olive e melanzane sott’aceto, abbiamo preso in quattro due antipasti misti, le signore mare e noi maschietti terra. Non ho idea di chi possa mangiarselo intero: siamo stati sommersi da un tripudio di crocchette, frittelle, polpette con salsa piccantissima e non, un arancino di riso con ‘nduja che farebbe gridare: «Ne voglio un baule pieno», parmigiana di melanzane e altro. Questo noi, le signore 5 o sei piatti di pesce interessanti, ma noi eravamo troppo fomentati dalle polpette per farci caso.

Abbiamo poi proseguito con: pasta al ferretto allo scoglio per Ganascino, baccalà in tempura con cipolle e pomodorini spadellati per me e la Signora Ganascessa Moglie, una monumentale frittura di pesce per la suocera. Tutti soddifatti, pure delle patate buonissime e rustiche e dei fagioli al coccio.

Chiusura con 4 dolci: tiramisu per la famiglia e frangipane all’arancia e mandorle per me.

Per tutto questo: 140€ e spicci.

Ciritorno? Certo sì. Ottimi prodotti e pietanza interessanti. Al prossimo giro voglio provare l’antipasto di salumi calabresi, sempre che non mi propongano una piattata di arancini…

4ganasce4 ganasce secche, passando sopra a qualche difettuccio.

Sugo e Camicia

Via Chiassatello 1, Pisa

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Unico – Follonica (Gr).

A Follonica sono cambiate tante cose (era parecchio che non ci andavo). Il ristorante “Da Paolino” ha cambiato gestione e nome, il

La Barcarola – Livorno.

Diciamo subito che è stata una piacevole sorpresa. Con un gruppo di colleghi, stavamo aspettando un ospite che sarebbe arrivato alla stazione

Ravioleria artigianale il Borgo (Pisa)

Negozietto microscopico nella centrale via dei Rigattieri. Oltre al bancone c’è solo una mensoletta dove appoggiarvi per mangiare i vostri ravioli, fatti

2 risposte

  1. non ci torno neanche morto !!!! Cena aziendale in questo locale vicino nostro ufficio, sonora fregatura! Vino sfuso della casa: un vinaccio, tipo trebbianino asprigno da max 1 E/litro , alla favolosa cifra di 20 E/litro ( roba da non credere ), porzioni irrisorie ( un primo di quattro, dico quattro tacconi ), prezzi esorbitanti: 18 E l’ antipasto mare : polpettina (una) di baccalà, crostino con una acciuga, nove cozze in brodetto sciapite, una triglia di 20-30 gr fritta e ripassata al pomodoro ( detta alla livornese, ma niente a che vedere con le triglie alla livornese ), il tutto con la preresa di una cucina alla Gualtiero Marches che se venisse a mangiare in questo posto avrebbe il voltastomico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.