La Patata Bollente, Fornacette

Avrei giurato che una recensione su questo posto ci fosse già. Invece non la trovo. Provvedo io, visto che quest’estate ci ho mangiato due volte, e semmai commuto in un commento.

La Patata Bollente si trova a Fornacette, in fondo a una traversina della Toscoromagnola che rischia di passare inosservata. Il locale è ospitato in una casa di campagna ristrutturata; all’interno, lo spazio non è moltissimo, mentre i tavoli a disposizione fuori sono un buon numero. Io ho sempre cenato all’aperto, ed ho molto gradito l’ambiente. I tavoli sono coperti da ampi ombrelloni, che evitano l’umidità ma non danno assolutamente un senso di soffocamento; l’arredamento è semplice e di buon gusto, con richiami ben dosati alla tradizione contadina toscana. Idem per l’apparecchiatura: a me piacciono in particolar modo i piatti, realizzati con quella ceramica bianca tutta picchiettata di verde; credevo non esistesse più, e invece… fine della digressione nostalgica.
Il menu è limitato ad alcune ‘categorie’: ci sono antipasti, una varietà di primi di terra e di mare (il titolo recita “spaghetteria”, ma si può chiedere anche la pasta corta), pizze, ‘camicie’ (ossia focacce farcite; una specie di pane arabo, insomma), insalatone e dolci. I secondi non sono previsti. “La patata bollente” è, quindi, un locale dove conviene andare se si ha voglia, essenzialmente, di pasta o di pizza.
Fra gli antipasti, io ho provato il tagliere di formaggi, salumi e crostini: vista la quantità di roba che contiene, può essere diviso fra due persone senza il rischio di prendersi a coltellate per accaparrarsi l’ultimo pezzo di pecorino.
Ho poi assaggiato sia dei primi, sia delle pizze. Per quanto riguarda i primi, segnalo senz’altro la cottura perfetta degli spaghetti, le porzioni generose e il buon equilibrio fra gli ingredienti delle salse. Le pizze sono, sottili e croccanti, sono ben condite e sono state apprezzate anche da chi, in linea di massima, preferisce la pizza un po’ più alta.
Non ho ancora provato le ‘camicie’, ma sembrano essere un piatto su cui il locale punta abbastanza (il menu ne propone un vasto assortimento), per cui mi propongo di colmare presto questa lacuna.
I dolci sono casalinghi, e fatti con cura: io ho assaggiato un cheesecake davvero buono, e mi hanno parlato bene anche della mattonella mascarpone e nutella. Una sola perplessità: nel campo dei dolci, la semplicità delle proposte raggiunge livelli forse eccessivi: la fetta di pane e nutella può essere un’idea simpatica, ma magari me la mangio per merenda a casa mia…
Il vino della casa -servito in fiaschi da un litro o da mezzo- è piuttosto gradevole e va giù che è una bellezza: ho provato sia il rosso che il bianco frizzante; hanno anche un bianco fermo, ma non so dirvi com’è.
In generale, mi pare che la cifra del locale sia quella di presentare piatti poco elaborati ma realizzati con ingredienti di buon livello: una soluzione che personalmente apprezzo.
Io ho trovato un servizio nella norma, ma alcuni amici mi hanno segnalato, in passato, qualche inconveniente con le prenotazioni.

I prezzi sono ragionevoli: i primi si aggirano intorno ai 7 euro, le pizze per lo più fra i 6 e i 7, i dolci costano tutti 3.
L’altra sera eravamo in cinque e abbiamo preso un tagliere, un primo, tre pizze, due dolci, mezzo litro di vino e due bottiglie d’acqua. 59 eurini.

Tre ganasce tonde.

La Patata Bollente
Via Tosco Romagnola, 2 – 56012 Fornacette (PI)


Visualizzazione ingrandita della mappa

3 pensieri su “La Patata Bollente, Fornacette

  1. quando ci andavo io i piatti in ceramica non c’erano…..il problema è che non c’è mai posto!! questo è uno dei motivi del perchè non ci vado più , soprattutto il fine sett.
    è un tipico posto da cene …..
    ho sempre pensato che il locale fosse troppo bellino per come ci si mangia….
    cmq è da provare..

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

  2. Ci sono stata l’ultima volta un po’ di tempo fa, ma era un posto carino in cui passare una serata tranquilla, approvo le 3 ganasce.

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

  3. non è sicuramente un locale dove organizzare una cena vip, in quanto il menu è molto risicato. Però, se si parte da casa consci di quello che la cucina può offrire, non si rimane certo insoddisfatti. Sia i primi che le pizze sono ottimi. Le camicie in realtà potrebbero essere chiamate con il loro vero nome (spicchi di schiacciatine ripiene) senza creare false illusioni in chi ci va la prima volta e magari s’immagina qualcosa di mai visto prima 🙂
    Io gli do tranquillamente tre ganasce, anche perchè oltre alla qualità dei piatti (pochi ma buoni) devo dire che sia d’estate che d’inverno la location è veramente carina e il personale addirittura sovradimensionato ai tavoli da servire. La spesa è medio-bassa, con venti euro a testa di solito sei a posto.

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

Rispondi