La Quercia – Santa Maria del Giudice (Lucca)

Sono stato con tutta la famiglia a La Quercia di Santa Maria del Giudice. C’ero stato molti anni fa per un matrimonio, che non è esattamente un buon modo per giudicare un ristorante. Le cose però da allora sono MOLTO cambiate.

La sala all’ingresso del ristorante è chiara, semplice e elegante. Bella apparecchiatura. Il pane (fatto in casa) va via a cestini interi.

All’apertura ci è stato offerto un amouse-bouche: un pomodorino ripieno di cremina tartufata con una foglia di basilico fritto. Buono e invogliante.

Abbiamo preso 4 antipasti:

  • Tagliere di salumi con formaggio e bruschette al pomodoro per Ganascino. Divorato con soddisfazione dal pargolo che, quando ci si mette, a dispetto della mole pare un orsetto. Ho assaggiato due o tre cose ed erano molto buone.
  • Selezione del pescatore per la Signora Ganascessa Moglie e la Signora Suocera: moscardini in salsa, capasanta gratinata, crostini, una favolosa rosa di carpaccio di pesce affumicato e così via, molto ricco.
  • Tutto fumo e chianina per me: una tartare ben condita, servita sotto una campana di vetro piena di fumo, che dona una leggera affumicatura. Molto (parecchio) buona.

Abbiamo dato seguito con 4 secondi:

  • Costine di agnello con purè e lamponi sabbiati con salsa di lamponi per Ganascino e la SS. Molto graditi, agnello cotto benissimo e purè finissimo.
  • Ombrina con salsa di carciofi e patate arrosto alla paprika per la SGM e
  • Turbante di branzino con salsa di rape rosse e patate arrosto alla paprika per me. L’abbinamento tra il branzino e le rape rosse era riuscitissimo.

Alla fine tre dolci:

  • Mamma mi è caduto il vaso per la SGM: un dolce spettacolare composto da tre diversi dolci a tre diversi cioccolati, presentato come un vasetto (di coccio) riverso sul fianco e il dolce scomposto/composto come se fosse il terriccio caduto dal vaso. Buonissimo e scenografico (idea mutuata da Oops! Mi è caduta la crostatina al limone di Massimo Botturna? Comunque ottimamente eseguito).
  • Mezza sfera per la SS: golosissima mousse di cioccolato glassata su pasta sfoglia e
  • Frutta e cioccolato per me: due cilindri di pera scavati, ripieni di due creme finissime al cioccolato bianco e gianduja, accompagnate da pezzetti di brownie (che si è spazzolato Ganascino, ma ha detto che erano favolosi).

Tutti i piatti presentati benissimo, eleganti e inventivi. Servizio affabile, veloce e gentile.

Da bere: Ferrari rosé (20€, ricarico onestissimo), due acque minerali.

Col caffè: biscottini di farina di mais con uvetta molto buoni.

Prezzo per tutto ciò: 155 europei, direi commisurati alla qualità della cena.

Ciritorno? Sicuramente. Il menu non è molto lungo ma ben organizzato, con piatti di terra e mare molto ben pensati (in menu anche due hamburger che ho visto passare ed erano parecchio interessanti). Abbiamo saputo che il cuoco è giovanissimo (poco più che ventenne) ma pieno di idee, proviene da un 5 stelle veneziano, e ha completamente rivoluzionato il ristorante di famiglia. Direi con successo.

Unico piccolo neo la carta dei vini che potrebbe essere anche migliore.

4 ganasce e mezzoQuattro ganasce e mezzo, da confermare alla seconda passata. Ghiotti del circondario, andateci.

La Quercia

Via Nuova per Pisa, 5583 – Santa Maria del Giudice Lucca – 328 0111874 – Chiuso il lunedì

www.ristorantelaquercia.com

7 pensieri su “La Quercia – Santa Maria del Giudice (Lucca)

  1. Tornati alla Quercia per festeggiare la Suocera. Abbiamo mangiato benissimo. Personalmente ho ripreso la tartare (con dei capperini microscopici e buonissimi) e un piccione mirabolante (accompagnato da una salsa/fondo fantastica) con scalogni e patatine fritte perfette. Chiusura con una ottima bavarese di fragole su un ottimo crumble. Carta dei vini con ricarichi onestissimi. Servizio attento (quando mai ti capita che ti cambino il secchiello del ghiaccio per tenere il vino più fresco?) ma non invadente, Un’altra volta così e cinque ganasce non le leva nessuno.

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

  2. Primo commento su Ciritorno. Visti i lusinghieri commenti sono andato a provare questo ristorante. La mogliera per antipasto ha preso “selezione del pescatore”. Piatto parecchio ricco con numerosi assaggini. Alcuni davvero molto buoni (un’ottima seppia scottata, calameretti in guazzetto). Io, sempre per antipasto, ho preso acciughe fritte. Forse le migliori mai mangiate. Piatto abbondante, per essere un antipasto, composto da numerose acciughe fritte adagiate su un nido di verdure. Queste erano una julienne di zucchini, carote e cipolle scottate e ripassate in forno. ricordavano, molto alla lontana, il rosti altoatesino. Di secondo abbiamo preso un fritto di totani e gamberi con tempura di verdure, e turbante di branzino su letto di topinambur. E qui iniziano le noti dolenti. Cioè, niente di eclatante, ma dopo gli antipasti le aspettative si erano alzate parecchio. Il fritto (surgelato, lo sapevamo perchè correttamente scritto nel menu) è risultato un pò pesantuccio e i calamari erano un po’ gommosi. Il turbante non era cattivo, anzi, ma un po’ piattino, diciamo anonimo. Infine una bavarese alla fragola (anche questa non strepitosa) e due cafè. Acqua e due bicchieri di montecarlo bianco per un totale di 71€ gentilmente arrotondati a 65€. In sintesi: dopo gli antipasti eravamo parecchio gasati e le aspettative erano molto alte. Purtroppo le aspettative sono state in parte deluse. Non posso dire di aver mangiato male, ma i secondi hanno decisamente abbassato il giudizio finale. Ora come ora assegnerei 3 ganasce. Ci ritorno? Forse si, magari quando rinfresca per provare il piccione (che adoro).

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

  3. Dopo la ciricena fatta circa un mesetto fa ho voluto far assaggiare le loro proposte anche ad altri compagni di merende 🙂
    Ero rimasto in voglia di provare anche i secondi piatti, che adesso confermano il buon livello di cucina di questo ristorante.
    Stavolta come primo piatto ho optato per il risotto alla zucca, gorgonzola e champagne.
    L ho trovato buono ma poteva esser apprezzato ancora di più, se avessero scaldato il grande piatto di vetro dove era adagiato . Con quelle dimensioni il risotto rimane disteso e con lo spessore cosi basso si raffredda molto velocemente.
    Alcuni amici hanno preso degli spaghetti di farro con del baccalà ben presentati e dice anche gustosi 🙂
    Secondo piatto : petto detto anatra su un letto di arance e accompagnato da un ottimo purè.
    Carne tenera, cotta in modo corretto e saporita.
    Sbirciando nei piatti altrui sul tavolo ho visto arrivare un bel filetto di branzino , un ombrina e un filetto al profumo di bosco con tanto di affumicata scenografica 🙂
    Dolce, fuori menù, un ottimo zuccotto , accompagnato da un passito gentilmente offerto.
    Lo chef ci aveva consigliato come abbinamento anche una Grappa barricata, che se non avevo problemi con la gradazione elevata, penso sarebbe stata di ottimo abbinamento.
    Posso quindi aggiungere un + dopo questa seconda visita alla Quercia 🙂
    Dimenticavo, abbiamo bevuto poco, comunque la spesa non è arrivata ai 40 euro a persona. Conferma di un ottimo rapporto qualità/prezzo.
    Saluti

    Utile o no: Thumb up 1 Thumb down 0

  4. A parte gli spaghetti al farro gli altri cosa hanno mangiato ?
    Hanno preso anche il secondo ?
    Quanti eravate ?
    Cosa avete bevuto ?
    Sono curioso ?
    SI !
    🙂

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

  5. L’anatra l’ho presa anche io ed è molto buona, veramente ben fatta, col purè aromatizzato divertente e buono. Ho anche assaggiato il filetto di Ganascino che era ottimo.

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

  6. Frank ma quante cose vuoi sapere 😀
    In 5 persone di sabato sera .
    Nell elenco dei piatti mancava solo una tartare affumicata al faggio presa come secondo piatto, il resto è tutto scritto 🙂
    Ricapitolando 5 primi, 4 secondi ( i contorni sono già compresi nella portata prescelta ) un antipasto, 5 dolci e caffè .
    Potevo far delle foto documentative ma non c ho pensato 😀

    Utile o no: Thumb up 0 Thumb down 0

Rispondi